“Acqua dolce, acqua salata”: scopriamo il concorso di poesia indetto dall’Associazione Licenza Poetica


Buongiorno a tutti, amici del Ritrovo!
Aprono il 30 giugno le selezioni delle poesie a tema “acqua dolce, acqua salata”, come da bando, che vi presentiamo in anteprima, indetto dall’Associazione Licenza Poetica in collaborazione con l’Associazione MarEtna e la Casa Editrice Segni e Parole, con la partecipazione del Cenacolo della Poesia “Adelaide Cavallini”.
Il bando prevede che ogni autore possa partecipare inviando al massimo tre poesie inedite, da intendersi come: mai pubblicate da un Editore, prive di codice ISBN o già premiate ad altri Concorsi. Sono ammessi componimenti poetici liberi, in italiano o dialetto, senza vincoli metrici, fino a trenta versi. Le opere devono essere inviate dal 30 giugno 2017 al 30 settembre 2017 a mezzo posta elettronica all’indirizzo info@licenzapoetica.com in formato word: l’oggetto della mail deve riportare “acqua dolce, acqua salata”. I dati dell’autore, essendo le poesie giudicate in forma anonima, vanno inseriti nel testo della mail, con una brevissima nota biografica e una dichiarazione attestante paternità e inedicità dell’opera.
La partecipazione è gratuita.
Gli autori concedono l’autorizzazione a pubblicare le proprie opere selezionate in un’antologia che le raccoglierà, senza nulla pretendere a nessun titolo. Al di fuori di questa pubblicazione, la proprietà esclusiva dei diritti relativi agli scritti resta in capo agli autori. Quelli selezionati, saranno informati dal Comitato organizzatore, che si occuperà di selezionare gli autori e pubblicizzare l’evento.

cropped-cropped-associaz-licenza-poetica_def1

Rimando alla pagina dell’Associazione e al Bando per ulteriori dettagli.
Insomma, regole semplici e che invitano alla partecipazione.
E ora che faccio, chiudo qui e vi saluto, lasciandovi all’ispirazione?
Certo che no! Approfitto della cortesia della cofondatrice dell’Associazione per fare quattro chiacchere sul concorso, Licenza Poetica e poesia in generale. A rispondere, Monica Zanon (in arte Moka) poliedrica autrice in versi e prosa.

Ciao, Moka! Vuoi presentarti ai nostri lettori?
Ciao Gianluca e grazie per il tempo che mi dedichi. Io chi sono? Bella domanda! Sono una persona appassionata, della vita e della poesia. Entrambe le cose contengono tutto ciò che “serve” di visibile e d’invisibile.

Come vedi le riflessioni della poesia nella frenesia contemporanea?
La poesia ci può proprio salvare dalla frenesia, non fermiamola, facciamola entrare nella nostra vita quotidiana, essa ci aiuta a respirare e a renderci conto di essere vivi. La poesia può essere un istante, per chi la scrive e per chi la legge, ma vi assicuro che può riemergere perpetrando il suo valore evolutivo.

Perché associarsi per tutelare questa forma d’arte? Ci vuoi parlare di Associazione Licenza Poetica e delle sue finalità?
Insieme si può fare di più. L’Associazione è nata nel 2014, in Ticino (Svizzera), da tre amici poeti – io, Camòrs e Fabio Rossi – seguiti da amici musicisti, grafici, fotografi e attori. Il nostro scopo è quello di diffondere e rappresentare la Poesia in ogni forma e con ogni mezzo artistico che riesca a valorizzarne i contenuti. Nel 2015 ci siamo trasferiti in Italia, a Solcio di Lesa (NO), il mio paese natale. Il nostro concorso principale è il concorso poetico fotografico che, come ogni anno partirà a settembre, quest’anno è alla Quarta Edizione, ma nel frattempo abbiamo voluto tuffarci in quest’idea fresca collaborando con altri appassionati.

“Acqua dolce, acqua salata”: un tema affascinante. Ragioni della scelta?
L’acqua è elemento vitale e grande fonte d’ispirazione, soprattutto chi nasce vicino ad una fonte sente questo legame forte, ma da sempre mare o lago affascinano l’artista, è innegabile.

Vedo che l’organizzazione del concorso si avvale anche della collaborazione di altre associazioni: in base alle tue esperienze pregresse, quanto è importante “fare rete” per il successo di un’iniziativa?
È importare fare rete, io amo le collaborazioni, da sempre, anche nella scrittura, altrimenti non si farebbe neppure un’associazione, no?

Ringrazio Moka per la disponibilità, augurandole il meglio per la propria attività di autrice e per il proseguimento delle attività con l’Associazione. E saluto voi tutti, amici del Ritrovo, rinnovando l’appuntamento al prossimo articolo!

Gianluca Ingaramo

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...