Recensione de “Le Sette Sorelle”, di Lucinda Riley


Buon pomeriggio, amici del Ritrovo.
Chiudiamo la settimana con la recensione del primo libro di una serie che ha fatto molto parlare di sé: quella delle Sette Sorelle, dell’autrice Lucida Riley.

Scopriamo insieme i dettagli.

Titolo: Le sette sorelle
Autore: Lucinda Riley
Editore: Giunti
Genere: Narrativa contemporanea
Pagine: 576
Disponibile su: Amazon e tutti gli store online
Sinossi: Il primo capitolo della saga bestseller “Le Sette Sorelle”. Contiene in appendice una nuova sezione di domande e risposte con l’autrice e i primi tre capitoli in anteprima di “Ally nella tempesta”, il secondo appassionante romanzo della serie.
Bellissima eppure timida e solitaria, Maia è l’unica delle sue sorelle ad abitare ancora con il padre ad Atlantis, lo splendido castello sul lago di Ginevra. Ma proprio mentre si trova a Londra da un’amica, giunge improvvisa la telefonata della governante: Pa’ Salt è morto. Quel padre generoso e carismatico, che le ha adottate da bambine raccogliendole da ogni angolo del mondo e dando a ciascuna il nome di una stella, era un uomo di cui nessuno, nemmeno il suo avvocato e amico di sempre, conosceva il passato. Rientrate precipitosamente nella villa, le sorelle scoprono il singolare testamento: una sfera armillare, i cui anelli recano incise alcune coordinate misteriose. Maia sarà la prima a volerle decifrare e a trovare il coraggio di partire alla ricerca delle sue origini. Un viaggio che la porterà nel cuore pulsante di Rio de Janeiro, dove un vecchio plico di lettere le farà rivivere l’emozionante storia della sua antenata Izabela, di cui ha ereditato l’incantevole bellezza. Con l’aiuto dell’affascinante scrittore Floriano, Maia riporterà alla luce il segreto di un amore sbocciato nella Parigi bohémienne degli Anni ’20, inestricabilmente legato alla costruzione della statua del Cristo che torreggia maestosa su Rio. Una vicenda destinata a stravolgere la vita di Maia.
Il primo, straordinario capitolo di una serie di sette libri: la conferma del talento di una grande scrittrice.

Recensione a cura di Valentina Coppola

le-sette-sorelle-lucinda-rileyLe sette sorelle” è il titolo del primo capitolo di ben sette romanzi redatti dalla talentuosa scrittice irlandese Lucinda Riley, la quale ha riscosso notevole successo, facendosi largo nel meraviglioso e complicato mondo dell’editoria.
Una storia avvincente che coinvolge il lettore sin dalle prime righe: la narrazione prende forma in una location fiabesca e immersa nel verde, la Svizzera, sulle rive del lago di Ginevra fino alle affollate strade e spiagge di Rio de Janeiro, il luogo in cui la protagonista ripone tutte le sue speranze alla ricerca delle sue radici. Primogenita e traduttrice di professione, Maia parte per il Brasile dopo la dorolorosa morte di Pa’ Salt, un uomo misterioso, carismatico e generoso che l’aveva adottata insieme alle altre sei sorelle (e la settima?). Le ragazze, Maia, Ally, Star, Cece, Tiggy ed Electra, provengono dai quattro angoli del mondo e i loro nomi corrispondono a quelli delle stelle della costellazione delle Pleiadi. Ognuna di loro ha una storia a sé, un carattere e un modo di affrontare la vita differente dalle altre: ciò che le lega da sempre e per sempre è l’amore che provano l’una verso l’altra, nonostante non abbiamo un legame di sangue.
Maya riscopre un amore travolgente, dopo una spiacevole delusione ma riuscirà a farà luce sul suo passato?
La scrittrice è riuscita a catturare l’attenzione del lettore grazie a una narrazione scorrevole, ricca di suspence e pathos. Sembra quasi di leggere un “racconto nel racconto”, soprattutto per la presenza delle lettere ritrovate, che vengono trascritte così come sono state scritte dai personaggi interessati. La storia non è mai scontata, pagina dopo pagina incuriosisce sempre di più. Le descrizioni sono sempre molto dettagliate e svelano, velamente, particolari sull’evoluzione della vicenda. I sentimenti e gli stati d’animo dei personaggi vengono espressi con semplicità.

valutazione-bellissimo
Una delle più belle citazioni è sicuramente “Le persone che ami sono insostituibili, Maia. Ricordalo sempre” che racchiude dentro di sé, con parole semplici, una grande verità. Insomma, un libro tira l’altro!

Se il nostro progetto ti piace e ti interessano i nostri articoli, che ne pensi di regalarci un voto? Grazie!

sito

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...