Le riviste letterarie e la bellezza del racconto breve


Buongiorno a tutti, cari amici del Ritrovo.
L’argomento di oggi è il seguente: le riviste letterarie.
Le riviste letterarie sono riviste che si occupano di letteratura e che offrono spazi a scrittori e poeti, affermati o esordienti, per proporre al pubblico le loro opere. Fino al secolo scorso la pubblicazione su una rivista si poneva come una tappa fondamentale per chi volesse entrare nel mondo delle lettere. In moltissime biografie di scrittori del passato l’esperienza della rivista letteraria rappresentava l’inizio della loro carriera. [fonte: Wikipedia]
Ne esistono di diversi tipi, alcune prettamente a scopo divulgativo e curate da Redazioni già collaudate, altre aperte a diverse forme di contributi, anche di autori esterni. Di questo secondo tipo, ve ne sono alcune che, a cadenza mensile, bimestrale o variabile, aprono delle vere e proprie selezioni per scegliere quali saranno gli autori che verranno inseriti nei successivi numeri in uscita.
Al giorno d’oggi le riviste non costituiscono, probabilmente, il canale che la maggior parte degli scrittori sceglie per mettersi alla prova e farsi un po’ di pubblicità attraverso brevi racconti.Tuttavia, a mio parere, sono una realtà editoriale da non sottovalutare. Alcune riviste sono legate a marchi editoriali importanti o quantomeno di prestigio e molto spesso già solo il cimentarsi in questo tipo di sfida letteraria può aiutare a migliorare molto il proprio stile e a crescere professionalmente. Tanti, infatti, sono i redattori che si mettono a disposizione degli autori, proponendo interventi di editing, fornendo consiglio per migliorare lo stile, proponendo riflessioni sui punti deboli di una trama o di un personaggio. Un confronto che si propone quindi di essere molto costruttivo e di aiutare l’autore a farsi strada nel bellissimo mondo della letteratura, proponendo un genere letterario, quello del racconto breve appunto, non sempre letto e apprezzato come meriterebbe.
Oggi vi propongo una serie di riviste che seguo con interesse da un po’ di tempo. Vi farà piacere scoprire che tutte sono aperte a collaborazioni esterne e all’invio del vostro materiale. Non vi resta che scegliere quella più congeniale al vostro stile, alle vostre predisposizioni e agli argomenti di cui amate scrivere.

Buona lettura!

logo_contempoRivista con.tempo: Una rivista, un sito. Contemporaneità lenta. Che sa prendersi il giusto tempo. Cara vecchia carta. Narrativa breve, inedita. Le storie che sono nell’aria. Immagini e grafica sperimentale, libera.
Se dovessimo riassumere con.tempo ne verrebbe fuori qualcosa del genere. Una rivista, uno spazio aperto alle storie di oggi, ai racconti che vanno persi perché letteratura minore. A noi la letteratura minore piace. È più libera e forse più vera.
I racconti vengono da voi. Noi ci limitiamo a suggerire un tema, a stirarlo fino alla sua ampiezza massima. Non possiamo pagarvi, né potremo mai (diciamolo subito, tanto per togliere qualsiasi dubbio). Ma ogni racconto che sceglieremo di pubblicare avrà un editor che lavorerà insieme all’autore per migliorare il testo, dando consigli, suggerimenti, correggendo refusi e strigliando bene ogni riga.
Ad ogni nuovo numero della rivista chiederemo ad un artista, un grafico, un visual designer diverso di immaginare e realizzare l’impaginazione e la copertina. Vogliamo che la rivista sia bella da vedere, oltre che da leggere. Uscirà ogni tre mesi e sarà numerata, 999 copie, oltre che gratuita. Se riuscite a trovarla in giro, è vostra. Potremmo parlare di arte e letteratura e il loro rapporto con il commercio, ma non ora e non qui.
Questo sito ospiterà tutto il resto: interviste agli autori, lamentele di quelli lasciati fuori, idee, articoli sulla scrittura e la lettura, immagini, disegni. Tutto quello che ci sembrerà giusto mettere accanto ai vari numeri della rivista di carta, senza limitazioni.
A volte ci spaventiamo. A che serve un’altra rivista? Con che coraggio parliamo di scrittura? Altre, ci sembra di essere artigiani e il raccontare storie, lo scrivere, una di quelle cose che gli uomini fanno da sempre, come il camminare o l’innamorarsi. E che in fondo questa rivista serva per raccontarci di nuovo e ancora una volta.
[Per maggiori informazioni sull’invio del materiale, visitate questo link].

divisore

rivista-rapsodia-logoRivista Rapsodia: Rapsodia è una rivista letteraria indipendente che raccoglie opere di autori emergenti edite e non per farle confluire in un progetto di promozione artistica dei contenuti di ciascun elaborato. Rapsodia rifiuta uno schema fisso, mette insieme spunti sempre diversi tra loro per armonia e ritmo donando al tutto un sapore di laboratorio artistico e improvvisazione compositiva.
Rapsodia si occupa di letteratura contemporanea. Oltre ai lavori degli autori emergenti saranno inseriti anche approfondimenti dedicati a noti autori contemporanei. Altri autori non contemporanei saranno trattati nella misura in cui il significato delle loro opere e della loro vita sia contestualizzabile nella contemporaneità.
Rapsodia non ha un orientamento politico e una categorizzazione sociale, non appartiene a cricche o comitati d’affari. Rapsodia appartiene al pensiero libero ed è gratuita: non esistono rapsodi senza spettatori e Rapsodia non avrebbe significato senza i suoi lettori.
[Per invio materiale e collaborazioni, visitate questo link].

divisore

Inchiostro, la rivista per gli scrittori esordienti: Inchiostro è la prima rivista specificamente riservata agli scrittori esordienti e dilettanti. Pubblica, infatti, opere scritte da non professionisti, inviate in redazione e scelte da un apposito comitato di lettura. Inchiostro, che è la prima e più diffusa rivista italiana di narrativa, è ormai giunta al diciassettesimo anno di vita. Lo spirito per cui è nata è quello di dar voce a quegli autori che, altrimenti, sarebbero costretti al silenzio o all’anonimato per l’impossibilità di pubblicare i loro lavori e, quindi, di farsi conoscere.

inchiostro-logo

Su Inchiostro, principale vetrina italiana per gli esordienti, si pubblica in modo del tutto gratuito. I racconti appartengono a tutti i principali generi della narrativa. Su Inchiostro ci sono poi alcune pagine dedicate alla poesia, anch’esse proposte da esordienti; recensioni di novità editoriali e interviste con scrittori affermati o addetti ai lavori che danno consigli a chi è alle prime armi. Non mancano i suggerimenti “tecnici” destinati agli autori che vogliono tentare il debutto nel mondo letterario, interviste a esponenti delle case editrici, che suggeriscono modi e metodi attraverso i quali può avvenire il “primo contatto”, e infine uno spazio dedicato ai siti Internet che si occupano di esordienti.
Inchiostro svolge anche l’attività di service letterario, cioè la lettura di manoscritti (romanzi o raccolte di racconti), con valutazione critica tramite stesura di apposite schede valutative e lavoro di correzione bozze ed editing orientato ad un’eventuale pubblicazione. Il service letterario si conclude con un incontro finale fra l’autore stesso e i lettori professionisti di Inchiostro, durante il quale vengono presi in esame limiti e punti di forza dell’opera e suggeriti gli interventi più efficaci per aumentare le concrete chances di pubblicabilità.
[Per scoprire come inviare un lavoro alla rivista Inchiostro, visitate questo link].

divisore

logo_flaneri_fbEffe, periodico di Altre Narratività (associato alla rivista Flanerì): Flanerí è una rivista online, questo è certo. Un progetto nato per incuriosirsi di ciò che il panorama culturale può offrire. Un ventaglio di strade e direzioni tradotte in LIBRI, CINEMA,MUSICA, che conducono ogni volta a differenti punti di osservazione. A infinite svolte.
Un territorio in cui siamo liberi di scegliere contenuti, stili e suggestioni. Dove e come muoverci.
Non solo recensioni però, ma anche volti e voci del raccontare.
È per questo che all’interno di Flanerí si affaccia la dimensione di ALTRE NARRATIVITÀ, per fornire un’opportunità di espressione ad autori inediti e un’occasione di ricerca a un pubblico esigente, attento a storie inaspettate. Nomi e trame da scoprire che confluiscono nel periodico EFFE, quartiere di carta per scrittori emergenti nato dalla collaborazione con lo Studio editoriale 42Linee.
[Per maggiori informazioni, visitate questo link].

divisore

logo-rivista-cattedraleRivista Cattedrale: L’idea non è quella di dare vita a un altro blog o a un’altra rivista: Cattedrale è un osservatorio, e in quanto tale ha bisogno di tempi di riflessione e di approfondimento lontani dalle dinamiche di un blog, pur mantenendo una sponda con gli sviluppi fulminei della filiera editoriale al fine di approfondirli.
Di pretese, non ne abbiamo, se non quella di parlare di racconti. Le intenzioni di Cattedrale prevedono anche, e soprattutto, un’attività di monitoraggio sugli scrittori attivi in questo ambito, sulle iniziative pertinenti, sui luoghi virtuali e reali che pure esistono ma che non si vedono. Lo spazio dedicato alle Recensioni, al Racconto d’autore e al Metodo, si propongono come luoghi in cui potranno dialogare i lettori e il racconto contemporaneo. Mentre l’osservatorio è lo spazio specifico che si occupa di raccontare iniziative virtuose dedite alla forma breve o che, in varie vesti, affrontano l’argomento.
Nell’ambito dell’osservatorio esordiente, inoltre, sarà dato spazio anche al monitoraggio delle scritture inedite ed esordienti che – proprio in virtù del pregiudizio che penalizza le raccolte di racconti – sono impossibilitate a svelarsi. Siamo convinti, invece, che ci siano racconti belli da leggere da qualche parte, e noi vogliamo leggerli. Lo spazio esordiente sarà una vetrina di eccellenza e di estremo rigore, dalla selezione severissima, proprio per garantire alla forma breve la qualità che le compete (esordienti avvisati!).
[Per sapere come inviare il materiale o collaborare, visitate questo link].

Conoscevate già queste riviste? Ne consigliereste altre? Pensereste mai di inviare un vostro racconto ad una rivista? Perché? Discutiamone!

Annarita Tranfici

Se il nostro progetto ti piace e ti interessano i nostri articoli, che ne pensi di regalarci un voto? Non immagini quanto il tuo voto possa supportarci! Grazie di cuore!

sito

Annunci

8 pensieri riguardo “Le riviste letterarie e la bellezza del racconto breve

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...