Intervista ad Alessandra Rinaldi, autrice di “La tua storia”


la-tua-storia-coverBuongiorno a tutti, amici del ritrovo. Oggi conosciamo meglio Alessandra Rinaldi, autrice del romanzo “La tua storia” pubblicato da Lettere Animate Editore, disponibile su Amazon, Mondadori, Feltrinelli, IBS e tutti gli altri store online.
Un matrimonio finito improvvisamente per una tragica scomparsa si tramuta in un messaggio di speranza di voglia di costruire, una storia autobiografica fra passato e presente, un diario e tante emozioni in questo romanzo breve.
Alessandra Rinaldi è nata a Modena e vive in un paese sulle colline modenesi, con il compagno e la sua splendida bambina (quasi-ragazza).

Vediamo cosa ci racconta nell’intervista che le abbiamo dedicato.

Buona lettura e buona giornata!


Quando è nata la tua passione per la scrittura? Da quanto ti ci dedichi con costanza?
Scrivo da sempre. Scrivere significa catapultarmi in un’altra realtà, io non digito sui tasti, sono direttamente dentro allo schermo, in mezzo alle minuscole lettere che allineandosi compongono parole; in quei momenti non esiste nient’altro, sono estraniata da tutto quello che mi circonda, dal mondo esterno.
In realtà, mentre scrivo, vivo nei miei personaggi, sono i miei personaggi.

Hai mai partecipato a concorsi letterari? Se sì, quale è stata la tua esperienza?
La risposta è no, ma sto seguendo un “corso di scrittura creativa” e, a questo proposito, posso dire, che mi sta aiutando parecchio, sia dal punto di vista della creatività che dal punto di vista della scrittura vera e propria. Come per tutte le cose, va bene la fantasia,ma un po’ di tecnica ci vuole.

Scrivi solo romanzi o ti dedichi volentieri anche a racconti, poesie, articoli e saggistica?
In realtà io scrivo racconti, mi piacerebbe tantissimo scrivere un romanzo, ma temo che il mio modo di scrivere non me lo permetta. Io dico le cose in maniera molto diretta,senza tanti giri di parole. Sto affrontando questo corso di scrittura anche per migliorarmi sotto questo aspetto.

Quando e come è nata l’ispirazione che ti ha portato a scrivere la tua ultima fatica letteraria?
“La Tua Storia” è un romanzo breve nato da una spunto autobiografico.
Un giorno ritrovo in un cassetto il mio vecchio diario. Rileggendolo sono tornati a galla ricordi, pezzi di vita, ho provato emozioni fortissime, cose che pensavo di avere per sempre relegato nel passato, hanno ripreso consistenza. Sembravano reclamare un loro diritto a non finire nel dimenticatoio.
Così è nata l’idea di ridare vita a quei ricordi e quale migliore modo se non un libro?

Il punto di forza del tuo romanzo.
La speranza e la consapevolezza che la vita può riservare altre opportunità.

Il tuo romanzo dal titolo “La Tua Storia” piacerà sicuramente a tutti quei lettori che… sono convinti del fatto che l’amore, la sofferenza, la perdita, la speranza, la rinascita, sono universali e appartengono a tutti noi.

Quanto tempo dedichi all’editing dei tuoi lavori? Sei un perfezionista, di quelli che trascorrono ore ed ore a tentare di migliorare quanto più possibile il suo manoscritto, o una volta terminato parti subito alla volta di una nuova avventura?
Penso che l’editing sia una parte fondamentale di un racconto, per cui dedico a questa fase di lavoro molto tempo. Valuto attentamente ogni singola parola ed, eventualmente, la sostituisco con una più appropriata. Lo stesso discorso vale per la grammatica.

Taccuino o notebook? Penna o tastiera?
L’uno non esclude l’altra. Chiaramente con la tastiera tutto è più facile e immediato, ma a volte, preferisco il taccuino; questo dipende anche dalle circostanze e dai luoghi in cui mi trovo. Se mi viene un’idea e non ho una tastiera a portata di mano, chiaramente me la annoto su un taccuino.

Qual è l’aspetto più “eccitante” dell’essere scrittore?
Io non sono uno scrittore, magari!

E quale quello più noioso?
Per quel che mi riguarda, l’editing

Cosa pensi del self-publishing? È un’alternativa all’iter editoriale tradizionale a cui ricorreresti?
Sono già ricorsa al self-publishing due anni fa. Ho pubblicato “La Tua Storia”. Quello che a me è mancata è stata la pubblicità, la possibilità di farsi conoscere. Senza un editore alle spalle è difficilissimo emergere.

Oltre ad essere uno scrittore, sei anche un lettore?
Certamente. In questo momento adoro i gialli psicologici di Carrisi, ma per quanto concerne la lettura, vado a periodi. Alterno classici di Hugo e Tolstoj a Ken Follet e Clara Sanchez.

Se avessi la possibilità di scegliere un unico titolo, quale sarebbe il romanzo che definiresti senza dubbio il tuo preferito?
Questa è una domanda difficilissima. No, non saprei rispondere: ho adorato “Dieci piccoli indiani” , ho adorato “I miserabili”, no, veramente non riesco a rispondere.

E quale ti sentiresti di consigliare ad un adolescente che vuole avvicinarsi alla lettura?
Anche questa è una domanda difficilissima. Avendo un’adolescente in casa, posso dire che il suo preferito è sempre stato “Il giardino segreto”, ma dipende dai gusti.

La tua favola preferita da bambino/a.
Cenerentola: ho sempre adorato il sogno del principe azzurro

Cosa credi cerchino i lettori in un romanzo? E cosa vuole offrire il tuo?
Certamente non posso parlare a nome di tutti i lettori. Io, in un romanzo, cerco il sogno, l’emozione, che non deve essere necessariamente toccare la sfera dei sentimenti. Spero di trovare qualcosa che mi trascini in un altro mondo, in un’altra dimensione.

Quale di queste parole ti definisce di più? Sognatore – Pragmatico – Riflessivo – Impulsivo – Tenace – Cinico – Fantasioso – Pazzo – Eclettico – Poliedrico.

Sognatore e riflessivo

Se avessi l’occasione di scambiare quattro chiacchiere con uno scrittore del passato, chi faresti accomodare al tavolo con te? Perché?
Agatha Christie, Arthur Conan Doyle . Vorrei scrivere un giallo, ma come prendevano l’ispirazione? E come facevano a trovare i moventi?

Il libro che porterai con te durante queste vacanze estive?
Buona parte degli autori di Lettere Animate. Stiamo diventando una grande famiglia, quindi sento la necessità di conoscere il loro modo di scrivere.

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...