Recensione di “Tersa”, di Annalisa Caravante


annalisa-tersaQualche tempo fa, la nostra Viviana Cardone aveva letto e presentato in anteprima il romanzo fantasy “Tersa“, scritto da Annalisa Caravante e pubblicato dalla Arpeggio Libero Editore. A qualche mese di distanza, vi proponiamo la recensione di una lettrice, Valentina Imperiu, che dopo averci raccontato quanto abbia apprezzato il romanzo “Tutte le parole del mare” di Moka, ci illustra gli elementi che l’hanno fatta innamorare anche della storia della scrittrice napoletana.

Buona lettura!

Recensione a cura di Valentina Imperiu

E in un soffio sono volate anche le ore che mi congiungevano a “Tersa”, altro mondo fantastico, altra splendida storia fantasy, stupendamente narrata in un romanzo imperdibile, scritto dalla bravissima Annalisa Caravante, che si è posato sulla mia anima incredula come polvere magica, spalancando davanti ai miei occhi sognanti, improvvisi e inaspettati portali verso altri mondi, molto più vicini di quanto avessi mai osato immaginare. E pagina dopo pagina, eccomi alla scoperta di un mondo parallelo, ma ancora molto umano, dove si può finire per caso in una giornata di pioggia qualsiasi, colpiti da un fulmine che ti porta altrove, tra gente bellissima con occhi dal colore insolito, cangiante e vivido e il cuore gentile; eccezion fatta per qualche personaggio, che rischia però di stravolgere e modificare irrimediabilmente il corso degli eventi. E tra tramonti insoliti, notti pericolose come il peggiore degli incubi che prende forma, feste e canzoni stonate per nascondere le urla disumane dei predatori, nuotate spensierate, gite fuori porta su velivoli che ti regalano panorami mozzafiato, sodalizi fraterni, fughe improvvise, ricerche disperate, salvataggi ambiziosi e grandi passioni che si intrecciano diventando indistricabili, la vita ti scorre sul dito e vorresti fermare il tempo; col desiderio inconfessabile eppure incontrollabile di non tornare a casa. E così la giovane Lisa approda inconsapevolmente a Tersa ed è costretta a metabolizzare in fretta tutto ciò che le sta accadendo attorno per proteggere la sua vita. L’incoscienza tipica della sua età la porta spesso a correre dei rischi, ma la sua anima magnetica, incorniciata da due splendidi occhi neri, farà convogliare attorno alla sua orbita tersiani dai sentimenti puri e ardenti, che cercheranno di proteggerla e di aiutarla a non perdere se stessa durante questa splendida avventura dal finale affatto scontato e sconvolgente. Assolutamente da leggere!

Annunci

Un pensiero riguardo “Recensione di “Tersa”, di Annalisa Caravante

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...