Dubbio ed emozione sono il cuore della scrittura


Carta Traccia

right-brain-left-brain-ss-1920-792x600 lo Gli articoli “Raccontare è dimostrare” di Anima di Carta, e “Un’idea non fa una storia” o “Perchè pianificare un romanzo” di Penna Blu, e tanti altri commenti incrociati e scritti su altri blog, mi hanno dato da pensare.

Da qualche decennio, parlare di buona scrittura significa soprattutto parlare della sua componente razionale: la progettazione preliminare, la coerenza interna del romanzo. E poi le teorie degli studiosi, i tre o quattro archi, gli archetipi, e molte altre teorie.
Ci si prende spesso gioco dello scrittore immaturo, che aspetta l’ispirazione e vomita pagine e pagine che il giorno dopo gli sembreranno orribili.

La componente razionale è necessaria nella scrittura, soprattutto nei romanzi: se è assente, il complesso non sta in piedi. Ma la razionalità non è il bello, non è il cuore della scrittura. Non è lei che ti spinge a scrivere, non…

View original post 1.557 altre parole

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...