Buon compleanno, Lewis!


Lewis Carroll27 Gennaio. Per alcuni un giorno qualunque, per altri il “Giorno della memoria”. Vero, ma non solo; oggi infatti ricorre una nascita importante, un compleanno che vale la pena ricordare: ben 183 anni fa veniva al mondo Lewis Carroll.

Una delle figure più importanti della letteratura inglese, e non solo. Indubbia figura poliedrica in quanto, oltre ad essere un grande letterato, era anche un matematico e un abile fotografo. La fotografia era il mezzo che gli permetteva di esprimere il suo essere, di denunciare la realtà dell’epoca.

Non a caso per contrastare l’idea dell’educazione vittoriana, basata sull’austerità, la purezza e la forma perfetta, si divertiva a ritrarre bambine nude. Non perché (come molti sostenevano) fosse un pedofilo, bensì perché il suo obiettivo era d’infondere in loro quel desiderio di libertà tanto sperato.

Tra i suoi ritratti ricordiamo quello di Alice Pleasance Lindell, che non solo era sua amica, ma divenne la protagonista della sua storia più famosa: Alice in Wonderland, del 1865.
Si tratta di un vero e proprio capolavoro che ha suscitato l’interesse del mondo intero, e addirittura è diventato un modello di riferimento per tanti scrittori successivi.
Tutto ebbe inizio quando un giorno, su richiesta della fanciulla Alice, Carroll cominciasse a raccontare, per ingannare il tempo, una storia che vedeva come protagonista proprio la piccola Alice e il suo viaggio nella tana del coniglio. Questa storia affascinò la ragazza a tal punto da chiedere a Carroll di scriverci un libro. Così l’autore, incoraggiato più volte da amici e conoscenti, si dedicò alla stesura di quest’opera.
Ma bisogna sottolineare che in realtà l’Alice bambina e l’Alice protagonista hanno in comune ben poco, solo il nome e l’età in realtà, in quanto lo stesso autore affermò che l’Alice del romanzo fosse un personaggio frutto della sua fantasia.
Ancora oggi, a distanza di 150 anni dalla pubblicazione di quest’opera geniale, Alice e le sue fantastiche avventure continuano ad essere oggetto di studio e di lavoro, non solo nel campo della letteratura.


Alice_In_Wonderland_(2010)_
Infatti nel 2010 il grande regista Tim Burton ha realizzato una pellicola dal titolo Alice in Wonderland, dove ritroviamo non più una bambina ma un’Alice ormai cresciuta, adulta, che si imbatte in altre innumerevoli avventure, che sono il seguito delle storie vissute dalla fanciulla nei romanzi Le avventure di Alice nel Paese delle Meraviglie e Attraverso lo specchio e quel che Alice vi trovò. Avventure che hanno lasciato senza fiato i milioni di spettatori che si sono recati nelle sale cinematografiche, facendo incassare più di 1 miliardo di dollari e divenendo così il 17esimo film che ha incassato di più nella storia del cinema.

E ancora, assegnando nel 2011 il premio Oscar come Migliore scenografia a Robert Stromberg e Karen O’Hara. Un traguardo straordinario, in seguito al quale è stata indispensabile la realizzazione del sequel, Alice in Wonderland: Looking Glass, per il 2016, che ancora una volta vedrà come protagonista un attore del calibro di Jonny Deep.

Alice lettere animateInoltre, nel settembre scorso, l’autore Roberto Incanogli, ha realizzato una rivisitazione in chiave gotica del romanzo di Carroll, affiancata dalle splendide illustrazioni di Fabrizio Lavezzi (disponibile su Amazon).
Nel suo graphic novel, Alice intraprende un viaggio totalmente diverso… Non c’è nulla di magico e di avventuroso, ma piuttosto la fanciulla è la protagonista della sua stessa vita, una vita tetra e cupa, fatta di malvagità e distruzione.
Il fascino della società moderna fa di lei una donna priva di alcun valore morale, e la induce a commettere gesti deplorevoli.

Questo lavoro è lontano dal testo originale di Carroll, e non a caso i lettori più accaniti non sono bambini, ma piuttosto ragazzi e adulti.  Ciononostante, l’obiettivo di Carroll è stato raggiunto. Più volte nell’arco della sua vita aveva affermato di voler realizzare qualcosa per cui essere ricordato. Ebbene sì, è riuscito nel suo intento. Ancora oggi le sue opere ispirano moltissimi progetti, dunque il suo nome vivrà in eterno.

Tanti Auguri, Lewis! 🙂

Vincenza Pacifico

Annunci

2 pensieri riguardo “Buon compleanno, Lewis!

  1. MYSELF IN WONDERLAND
    Stop fare la matta tigre cartapesta,
    le idee riorganizza, la ragione assesta.
    Spalmato vaniglia nel tratto di tatto,
    vibri brutto tiro stimandomi fatto.
    Disarmonica aria, riflessione hazard
    da scomodare Watts and Carrol’s play sluggard.
    Fregio d’attenzione dai tempi di Alice,
    pago il mio abboccare a ogni ammaliatrice.
    Svanita dopo anni of intimate slumbers,
    sbuchi per incanto in athenaeum chambers
    e io pesce vanesio intorno alla tua esca,
    anche a lenza lenta la trovo fiabesca.
    E’ tardi White Rabbit per sfuggire all’amo,
    la dose raddoppia, le sirene acclamo.
    Pronunci il mio nome con voce sensuale,
    pregusto wonderland, molli knock fatale.
    (m. p.)

    Mi piace

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...