L’artista che, sopravvissuta al cancro, sconfigge la paura attraverso la fotografia


Abbiamo conosciuto grazie all’ articolo scritto in precedenza sulla fotografa Laura Williams, cosa sia la fotografia concettuale, che, per chi avesse bisogno di un ripassino veloce, comprende quelle foto che vogliono racchiudere un’idea, o un concetto per l’appunto, in uno scatto. Una tipologia di foto quindi che richiede una grande sensibilità e una abilità nel cogliere al volo l’ispirazione non indifferente.

Tutti i fotografi, o quasi, sono ispirati dai loro sogni, dalla loro vita quotidiana o da altre forme d’arte per esempio. La fotografa che vogliamo presentarvi oggi è riuscita a trovare la sua ispirazione addirittura in un momento difficilissimo della sua vita: durante la malattia.

8638242348_0061676b01_zSi tratta della canadese Robin Macmillan, di professione prop buyer, che all’età di 39 anni, a pochi giorni dal primo compleanno di sua figlia, ha ricevuto la notizia che ha cambiato per sempre la sua vita. I medici le diagnosticano un cancro al seno al secondo stadio. Devastata dalla notizia e dalla preoccupante prospettiva di non vivere a lungo per vedere sua figlia crescere, ha deciso di dare un taglio drastico alla sua vita e di lasciare il suo lavoro per dedicarsi a quello che ama fare di più, ovvero la fotografia. In una video intervista in inglese rilasciata a blog.flickr.net ha infatti affermato che:

A reality sunk in that none of us know how long we have, and I just had to do what made me happiest, and that was spending time with my family and photography

7436792610_3f38f17313_zE la fotografia è diventata per lei, a detta sua, la migliore cura per il cancro, perché le permetteva di evadere, anche solo per un attimo, dalla sua condizione. Tanto che anche quei giorni che non riusciva ad alzarsi dal letto, per via dei durissimi trattamenti che i medici le somministravano per curarla dal cancro, lei riusciva solo a pensare alla sue fotografie e a come poteva migliorarsi e realizzare scatti sempre più creativi. Infatti le foto scattate durante la chemio rendono perfettamente la sensazione di avere un male che ti opprime.

9143139957_d56955d942_zLe sue foto ritraggono prevalentemente donne, immortalate in modo da rappresentare la loro eleganza ma allo stesso tempo la loro forza e il loro coraggio. Perché Robin Mcmillan, sapeva che nonostante il cancro e i trattamenti, lei aveva la forza per affrontarlo, perché ogni donna ha dentro di se, inconsciamente, una grande forza d’animo.

La figura femminile che l’ha ispirata maggiormente, ovviamente, è stata sua figlia, grazie alla quale ha potuto realizzare il suo scatto più bello “I dreamed i could fly” che oltre ad essere una bellissima foto densa di significato, ha un grosso valore sentimentale per Robin, non solo perché si tratta di sua figlia, che nella foto ha 6 anni, ma perché la riporta indietro di 4 anni, quando non sapeva se sarebbe mai arrivata al suo secondo compleanno, e invece ce l’ha fatta, perché il suo cancro è stato sconfitto, e questa cosa rende questa immagine ancora più toccante!

10414108184_87063bd3f8_z

Sono passati ormai 5 anni da quel brutto giorno del 2009 in qui tutto il mondo le cadde addosso e Robin si è dedicata ad una nuova serie di immagini, dal titolo “Footprint”, troviamo sempre le solite figure femminili aggraziate e forti ma il concetto espresso stavolta è diverso. Ovviamente è impossibile conoscere precisamente quali sono le cause che generano il cancro in un determinato individuo, ma sicuramente una buona parte di questi è causate dalle pessime condizioni atmosferiche ed ambientali in cui viviamo. Le foto infatti ritraggono scenari di strade trafficate, piene di smog, rifiuti, acque inquinate. Non a caso infatti la serie si chiama Footprint (impronta) perché vuole invitare a riflettere le persone su quanto sia grande l’impronta che questi lasciano sull’ambiente e di invogliare la gente al cambiamento. Perché un brutto male come quello capitato a Robin non guarda la carta d’identità o il conto in banca, ne siamo tutti colpiti e tutti possiamo fare qualcosa per migliorare il mondo in cui viviamo.

14795164102_239e358fce_z

Noi speriamo che l’esperienza di questa donna coraggiosa possa essere di ispirazione per voi che leggete e ovviamente vi invito a visitare il suo profilo flickr per ammirare le sue stupende fotografie.

Serena Scotti

Annunci

Un pensiero riguardo “L’artista che, sopravvissuta al cancro, sconfigge la paura attraverso la fotografia

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...